Menu

Stralci non-senso…

by gud, ottobre 26, 2009

Nella penombra perdo la percezione degli spazi, persino di quelli che conosco tanto bene…
ho aperto gli occhi , non c’è molta differenza dal tenerli chiusi. L’unica fonte luminosa è una piccola lampada di vetro blù sul comodino al lato destro del letto. Emette una debole nuvola di luce che si posa, delicata, soltanto su gli oggetti vicini. anche su lei.
Dorme, accolta dal mio abbraccio, col viso volto all’esterno del letto.
Dorme, non so nemmeno da quanto, non so neppure che ore siano, sento il ticchettio dell’orologio ma non riesco a vederlo bene, ma pensandoci con attenzione, non ho bisogno di nessun tempo, adesso.
Amo profondamente questa sensazione. amo sentirmi aldilà delle convenzioni comuni.
Adesso, io, del tempo, non ho bisogno e lo spazio, sconfinato o ristretto che sia, non mi interessa.
Riflessioni troppo sconvolgenti per quest’ora indefinita, tuttavia, autocompiacendomi per queste mie verità, sorrido leggermente e silenzioso mi avvicino per osservare con cura la mia meraviglia.
Di giorno lei è bellissima, lo è sempre innegabilmente stata ma questa oscurità che la avvolge, dissipata soltanto da questa tenue luce azzurrina, la rende profondamente in sintonia con la sua umana bellezza, quasi facesse emergere la sua essenza. un’intensità che mi toglie, sempre, il respiro.
Non riesco, forse non voglio trattenermi e con la punta delle dita sfioro, con delicatezza, la sua spalla nuda. toccare, sfiorare appena la sua pelle liscia da adito a così innumerevoli pensieri…la mia mano scende lungo il suo braccio, poi, pianissimo, risale fino a toccare la congiunzione con la clavicola per poi scivolare sul suo collo sinuoso…
un piccolo brivido la avvolge, tenera si stringe al mio braccio.
Non sono mai stato tanto aderente alla realtà come in questo momento.
Non so esplicitare quest’emozione ma da quel piccolo gesto, il mio nodo alla gola è mutato in pensiero. qualcosa da perdere, adesso ce l’ho…

1 Comment


    • Reply Cancel Reply
    • ottobre 26, 2009

    no, questo mi pento di averlo scritto..pare troppo meditato, la prossima volta niente finalino sviolinante!

Leave a Reply

Your email address will not be published Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*