Appena oltre quanto potrei dire di un pensiero…

la mia pelle è carta bianca per il tuo racconto

Il mio corpo liscio, la mia pelle chiara sotto cui si snodano le mie lunghe ossa, uno strano silenzio.
Ci sono le tue mani sole. Non voglio altro che le tue mani.
Delicate e forti, decise e vagamente incerte. ti affido me.
Innegabilmente tua sotto quei sentieri che descrivi con la punta delle dita…

Pubblicato
Etichettato come parole

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *