Il bianco è anche una specie di nero. Ludwig Wittgenstein

Bianco.
“Giulia, questo disegno non è finito, devi colorarlo meglio…”
“no. E’ finito. Il muro è bianco, le nuvole sono bianche…se qui c’è solo un muro e un cielo nuvoloso non è colpa mia. E poi non mi piace colorare le fotocopie.
E’ da bambini stupidi.”
Quello era il tempo in cui lui, il bianco, era soltanto un riempimento comodo…
un modo semplice di non stancare il mio esile esile polso.
Però è stato bravo. Ha fatto un buon lavoro.
E’ stato calmo, disteso, paziente.
E’ tornato a spiegarmi chi era quando ero pronta ad accoglierlo…
E perciò si merita tutto il mio amore.
I love W

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *