Menu

Quei quindici minuti non te li rendono mica…

by gud, dicembre 11, 2009

Fingi, bluffi, nascondi le tue emozioni dietro quelle rappresentate da una scelta maschera e non va bene perchè non sei naturale, non sei spontanea, non sei vera, non sei tu.
Usi la sincerità, non celi la smorfia sul viso e crolla il mondo, sei un’ insensibile dal cuore di ghiaccio, egoista, egocentrica e cinicamente spietata.
Chi cazzo dovrei ascoltare io???Ho capito che dovrei seguire questo Vero di cui tutti parlano ma mi sarei anche un po’ scocciata di queste sentenze che tutti si sentono in diritto di pronunciarmi.
Anche no.
Anche basta.
E’ tutto un malefico complotto. Un colossale attentato alla mia positività.
E sarebbe anche facile darla per vinta…
ma per questa volta, le maniche le rimbocco.
Oggi, penultima sezione di storytelling.
Guardo orgogliosa le mie dodici tavole dense di errori.
Errori che terrò di conto e non dimenticherò, non come con la citazione di oggi…
Odio dimenticarmi pubblicamente qualcosa, soprattutto se qualcuno fa affidamento sulla mia memoria…ma ero troppo concentrata sulle mie voglie per ripescare le parole esatte. peccato.
Che altro da dire? ah, ho fatto le scale veramente in folle corsa ed ho evitato per miracolo, l’acquisto prossimo di una dentiera!
ed anche…. il Giobba. giuro. lo ardo al rogo.
Il fatto è che io faccio molto gli affari miei, non trotterello (anche perchè potrei farmi male ;))
sventolando i miei lavori o le mie carte. Me ne sto al mio posticino amabile, a fare null’altro che il mio compito ed il mio cuore artistico lo apro solo se necessario, se stimolato.
Non sono una missionaria e posso testimoniare solo ciò che è vero per me.
Non avendo voglia di litigare, lo Sfar che sto attualmente leggendo, l’ho lasciato al sicuro accanto al mio lettino, nella mia inclinata stanza, lontano dal Giobba e dalle sue brutte e superficiali parole.
Malauguratamente, avevo nella cartellina magica, oltre alle tavole per storytelling, un volumino di Sandman che dovevo finire ed avevo lasciato lì per farlo vedere ad un’amica…
e tanto per confermare che le disgrazie non giungono mai solitarie, beh, cos’altro non poteva mancare? ma i miei ultimi schizzi per anatomia ( quelli su consiglio di C.) .
Appena mi sono resa conto che tra le onde di fogli, erano usciti anche loro…ho lanciato un languido sguardo verso il cielo-soffitto ed ho sperato. ho sinceramente sperato di essere abbastanza veloce.
Inutile specificare la vanità delle mie speranze.
“che cos’è ‘sta mmmerda?”
Ecco, appunto.
Mi sono chiesta se rispondere o meno.
Ho risposto ma difronte alle porno elfe, posso poco.
L’intensità dei loro sguardi da dive del hard e quelle labbra protese sul modello di Angelina…
Quella si che è la vera bellezza!
Se poi aggiungi le orecchie a elfo, qualche arma arcaicofuturista e le sgnudi a modino…che puoi chiedere di più ad un disegno?
Già.
Che può avere di più da dire se non il puro compiacimento di sé?
Già.
Quanto posso insistere? et cui prodest?

Non so accettare pareri differenti dal mio?
Non lo so, mi sono capitati spesso, dibattiti di vario genere che si siano poi conclusi in sintesi differenti ma non ho mai voluto percuotere violentemente qualcuno che mi si fosse opposto.
Mai prima del Giobba.
Davvero, non posso resistere ancora così tanto.
Sfar non è un fumettista, è una merda.
Schiele non sapeva disegnare un cazzo ed è una merda.
Gaiman se andava a vendere acciughe era meglio perchè…cos’era? ah…una merda.
Beh, io forse non dovevo impalare il Giobba con una motosega ma, si sa, si è ciò che si frequenta…
Ma stendiamo un velo pietoso su questa ingloriosa faccenda.
S. si è eclissata appena sono comparsi i compiti per casa.
e l’Unto…ha delle mani minuscole!!!perciò, data la statura, verrà rinominato Untolo.

Ieri al Sottoponte Academy, mi sono ricordata di quanto sia terribilmente cinese.
Non che sia un fattore che mi passi spesso di mente…ma fa strano vedersi disegnata come una “lucy liu” imbiondita…
Vabè, da quella volta in seconda elementare la cosa non mi traumatizza mica più.
(giocando ad indovinachivivente, il modo per identificare gud furono gli occhi a cinese. trauma pirandelliano ndr)
E mentre il Pagliaro sfogliava Glamour con le nuove reclute, noi della vecchia guardia stavamo agl’ordini di CLP che ha tentato di insegnarci a disegnare male _ tale approccio prevede che il tenitore di matita già sappia disegnare quindi evito tranquillamente il giudizio su i risultati di me medesima_
Con Giò stiamo escogitando svariati piani diabolici e collaborazioni ideal-creative…il top!
soprattutto….no non si può dire!
Comunque penso che sostituirò le facce dei bambini succhiati dalla mia strega bevi-bambini
con la faccettina angosciante di quel piccolo testa a pinolo giallo che frequenta la S. Academy con noi….
Anche se, in verità, per lui ho/abbiamo altri progetti…

Un ultimo sguardo commosso all’arredamento e chi s’è visto s’è visto.

1 Comment


    • Reply Cancel Reply
    • dicembre 12, 2009

    Allora Auguri per tutto.Ciao Gud,buona serata.

Leave a Reply

Your email address will not be published Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*