Scritta a margine. Macchiata di caffè.

Un’ anima in pena

in costante, trepida attesa.
Il respiro tentato profondo
si mozza nel mezzo.
Non v’è pace per i cuori sospesi
Per le anime prave
Per gli spiriti ambigui
Per loro.
Ustionati dalla caustica luce
albeggiante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *