Menu

Anche i figli dei cani dormono abbracciati

by gud, ottobre 28, 2013

quadratini

Siamo bastardi, che vuoi che ti dica.
Nel cuore la strada e la pelle è più dura dove l’asfalto l’ha accarezzata.
Casa diventa, se dormi, con chi.
E per tenere per le palle questa vita che è un inferno, ti tocca metterti in ginocchio ed ingoiare.
È un attimo.
Sono sicura, te la caverai.
In questo sillogismo esistenziale la verità, tesoro, viene sempre a galla, esattamente come a galla sta la schiuma marcia straboccante dai condotti fognari.
Fatti i tuoi conti e se a filosofia non eri un genio, la soluzione è matematica, la verità è un colpo secco tra moccio e bava, impara a cavalcarla, montala fino allo strenuo, fatti una doccia, fumati una sigaretta e sarai già al giorno dopo, a un giorno in meno.
Sono sicura, te la caverai.
Adesso dormi, puoi stare qui, te lo prometto, non mi addormenterò se non ti addormenterai.
Terrò la tua mano stretta finché lo vorrai. Stanotte. Domani. Il domani dopo e dopo ancora.
Sogni d’oro eroe, sono sicura, te la caverai.

1 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*