E.

“Emma, ti amo.Sei tu la donna della mia vita!” Le disse Phil, sotto i piccoli, gelidi fiocchi di dicembre. Cinque giorni dopo, Emma, tornava a casa con le buste della spesa, quelle di plastica doppia, perché quelle più leggere ed ecologiche le si erano dilaniate tra le mani appena sollevate dalla cassa, generando la frittata… Continua a leggere E.

Io posso cambiare.

J. lo vede ogni mattina. S. arriva, le da il buongiorno e poi le dice sempre le stesse parole. “un caffé macchiato ed un cornetto integrale. Grazie.” Non che J non sapesse cosa S desiderasse, per lei sarebbe bastato un “il solito”, ma la piccola gioia provata in un soffermarsi più lungo di S. al… Continua a leggere Io posso cambiare.

E & M

I baci caldi, i movimenti frenetici, il respiro veloce, gli abiti come ostacoli da strappare via. Gli sguardi scagliati diretti come proiettili, atti a bruciare dentro quanto più possibile. L’inferno. La beatitudine. L’immenso in una stanza. In quella stanza. E adesso, tra le stesse quattro mura, il respiro si faceva corto, stretto dal morso allo… Continua a leggere E & M

Fuori Sincrono

Sveglia antelucana, ore di dita passionali strusciate su pagine antiche, tempo perduto ad ascoltare parole leggere tanto da non lasciare segno alcuno, e finire la giornata ad eseguire ordini altrui. In un giorno di questo tipo essere messi spalle al muro da noi stessi, di fronte all’ultimo caffé, è davvero inevitabile. Sei lì, ed appoggiando… Continua a leggere Fuori Sincrono

Buon giorno…

Affondò dolce, la testa nel cuscino bianco. Poi aprì gli occhi. Il viso disteso, i capelli scomposti. Aspetto rilassato e selvaggio. Si tirò su mollemente. Si riadagiò qualche istante dopo e tirò un respiro profondo. La luce del sole filtrava, sottile, dalle fessure delle serrande. Si girava piano nel letto, come per sentirsi avvolta dall’abbraccio… Continua a leggere Buon giorno…